la cucina ribelle

Datemi un forno e cambierò il mondo

Archivio per il tag “vegano”

The Very Inspiring Blogger Award e i trottolini farro, cranberry e latte di mandrole

Lucio Battisti – Pensieri e parole

Il drago parlante mi ha inviato un messaggio, per assegnarmi addirittura un premio! E non so davvero come ringraziarla, se non facendole sapere quanto siano state per me motivanti le informazioni che lei ci regala, per guardare con un occhio ancora più consapevole alla mia alimentazione (solo con un occhio, che qui vengo da una grigliata con gli amici che, mi dispiace, ma ha sepolto vive varie regole!) 

trottolini

 

 

Le regole del premio sono:award

  •  ringraziare la persona che ti ha nominato;
  •  elencare le regole e visualizzare il premio;
  •  condividere sette fatti su di te;
  •  nominare altri 15 blog e lasciare un commento per fargli sapere che sono stati nominati.
  • Optional: mostrare il logo del premio sul tuo blog e seguire il/la blogger che ti ha nominato.

Continua a leggere…

Annunci

Se mi lasci scegliere, zuppa fredda di zucchine e basilico

Manu Chao- Me quedo contigo (si me das a elegir)

Oggi revival adolescenziale con Manu Chao, revival spagnolo con questo testo che ho cantato e ricantato e che ammetto essere una canzone orrenda, ma che non posso fare a meno di amare. Insomma, ecco svelato uno dei miei guilty pleasures.

zuppazucchinebasilico

Poi ci sono certe cose, come Sex&the city, che una profemminista come me non dovrebbe nemmeno nominare, ma che serve in ogni momento di stanchezza umorale, e le quantità di cosmetici nell’armadietto del bagno, che potrebbero far dubitare della mia serietà più di una persona.

Continua a leggere…

La bellezza delle cose semplici: burro di mandorle

Tracy Chapman- The Promise

Saper gioire delle cose semplici è una delle qualità che più mi attraggono nelle persone.

burrodimandorle

Commuoversi mangiando una qualunque cosa deliziosa, la pelle d’oca ascoltando Bach, dire sì a un gelato, i piedi nell’acqua, le dita nei sacchi di lenticchie, il profumo del bucato asciugato al sole, chi regala ancora fiori, camminare scalzi che poi, nel letto, qualcuno ci scalderà i piedi, bere spremute d’arancia, stare in silenzio in macchina seguendo ognuno i propri pensieri, le amiche, quelle generose e quelle coraggiose, il profumo della cannella e quello della pelle, un bicchiere di vino rosso intenso, le previsioni del tempo sbagliate, fare una cosa per volta, una sola, gustandoti la lentezza, ma camminare veloce solo per sentire che vai, il sapone di Marsiglia, un bagaglio leggero, un libro da perdersi, il mercato della frutta, i negozi di formaggi di Parigi, ma uno anche qui in città, la coperta sul divano, che la usano solo le femmine, il lusso del doppio cuscino, i film di Wes Anderson e quelli di Jean-Pierre Jeunet e anche quelli di Servillo, e tutto il cinema con E., e le magnolie in fiore. Continua a leggere…

Spaghetti con asparagi, zafferano e mandorle, alias: benedetta primavera!

Roy Orbison-Oh, pretty woman

Siamo finalmente al giro di boa, cambiano le verdure sui banconi del mercato, ci si può strafogare di fragola, le magnolie sono in fiore! Non è meraviglioso, tutto ciò?

Io continuo a barcamenarmi tra tre lavori e un po’ di collaborazioni, il tempo vola, la cucina di casa rimane intonsa!

zafferanoeasparagi

In compenso il tempo per il cinema si trova sempre, e allora l’altro giorno ho avuto la fortuna (perché qui si tratta proprio di fortuna) di poter vedere, al cinema Vittoria, in lingua originale, Her,vincitore del premio Oscar come migliore sceneggiatura originale.

Continua a leggere…

Navigazione articolo