la cucina ribelle

Datemi un forno e cambierò il mondo

Archivio per il tag “senza uova”

Vegan tartelettes aux framboises

Simon & Garfunkel- Mrs. Robinson

Sabato sera, nella magnifica cornice di un Castel Corno illuminato dalle fiaccole, si è svolta la festa annuale della Keller editore: “Letti a Kastello”, uno dei ritrovi più piacevoli d’inizio estate.

tartelletteauxframboises

Tra un bicchiere di vino, quattro chiacchiere, letture di testi sempre profondi, o poetici, o semplicemente belli, mi è capitato in mano un foglietto, con 4 pagine di un romanzo di prossima pubblicazione: La partenza per il fronte, di Andreas Latzko.
Leggendolo mi sono commossa. Io ho la commozione facile, che piango per qualsiasi cosa, sia chiaro. Ma qui è una commozione da brividi.
La cosa più spaventosa della guerra, si dice, è la delusione, alla partenza, di vedere le donne belle e forti. Le donne, che non piangono e salutano con il fazzoletto i propri uomini, che partono con il treno per il fronte. La delusione delle donne che non chiedono un gesto di vigliaccheria, di codardia. Tutto questo viene definito come una crudeltà inattesa. Lo era? Lo è? Continua a leggere…

Annunci

Happy birthday, mia piccola cucina ribelle!

Noa-Life is beautiful

Auguri a noi!

La cucina ribelle oggi festeggia il suo compleanno, con più di 50 post ( sono riuscita a centrare il mio obiettivo di un post a settimana, in media) e più di 6000 visite (grazie grazie grazie a voi!). Non c’è che dire, è il primo traguardo che raggiungiamo, una piccola goccia nel mare, ma che soddisfazioni per me!!
gelatopistacchio
Ammetto di aver meditato un bel po’ su come festeggiare, ma poi ha vinto la gola. Non le ricette elaborate, i miei cavalli di battaglia, qualcosa di strano che nessuno conosce. No, semplicemente la gola, con uno dei miei cibi preferiti in assoluto. Ma in totale coerenza con quel tipo di alimentazione che piace a me, ho voluto una ricetta senza uova o latticini e abbastanza light da non essere proibita nemmeno a chi è a dieta, in modo da non farmi venire troppi sensi di colpa.

Continua a leggere…

Gnocchi di pane e ortiche per un ricordo

Y’akoto- Without you

Quando avevo 12 o 13 anni, al matrimonio di mia zia, ho conquistato il primo ricordo in fatto di cibo. Sono sempre stata una che mangia di tutto, e con gusto. Ma da quel matrimonio ho portato a casa la memoria di un risotto alle ortiche, una cosa strana, buona e mai assaggiata prima, e la consapevolezza che, non c’è niente da fare, in Trentino o a Roma i pranzi di matrimonio sono una cosa ben diversa.

gnocchidiortiche

Incredibilmente, solo dopo tutti questi anni nella mia cucina è arrivato un mazzo di ortiche. Colpa della mia pigrizia, lo ammetto, perché basterebbe andare in una delle mille montagne che mi circonda con un sacchetto. Ma anche colpa di un po’ di timore: se pizzicano, è perché sicuramente non vogliono essere disturbate, no? 🙂

Continua a leggere…

Una crema cocco e limone contro lo stress..

The Police- Every little thing she does is magic

Uff uff uff, se guardo la data dell’ultimo post mi vergogno e mi fustigo da sola, ma a mia scusa ci sono stati taaaaanti giorni intensi dal 13 febbraio ad oggi!

Non solo nell’associazione dove ho appena iniziato, non solo nelle collaborazioni che faccio con un’azienda per cui scrivo case study, non solo negli innumerevoli eventi di formazione che si sono sommati a tutto ciò, ma anche al Circolino a Trento, dove sono diventata la ideatrice-preparatrice di buffet 🙂

I ragazzi che lo gestiscono normalmente sono 4, giovani, bravi, divertenti, propongono serate sempre diverse, e, se avete da organizzare un evento e volete un buffet, beh, ci sono io 🙂 Hanno trasformato l’ambiente di quello che poteva essere un anonimo circolo tennis in un locale vintage, un po’ post industriale, con tanto legno, luci azzeccatissime e una colonna sonora sempre diversa e interessante!

cremacoccolimone

Ecco, quindi, spiegata la mia assenza! E anche oggi, il mio post serve a darvi una ricetta di quelle che non sono ricette, a dirvi insomma di fare un po’ tutto a occhio, perché così ho fatto più o meno io 🙂 Continua a leggere…

Navigazione articolo