la cucina ribelle

Datemi un forno e cambierò il mondo

Archivio per la categoria “Uncategorized”

Laura’s Pecan Tart per cuori spezzati

Suzanne Vega- Caramel

In questo periodo non viaggio molto, mio malgrado. Però ho un’alleata preziosa, che lo fa al posto mio. E che mi porta sempre quella cosa particolare,  quella prelibatezza proprio in linea con le mie curiosità e che, nella mia piccola città, non è di facile reperibilità.

IMG_0554 (1)

In questi giorni è arrivata da me con una storia di cuori spezzati e una confezione di noci pecan. Mi è sembrato giusto usare le noci per una torta dolce e consolante, di quelle che non si bada alle calorie (e con la prova-costume alle porte, lo so, si dovrebbe!) e ci si lecca letteralmente le dita quando si è finito di mangiare. Continua a leggere…

Annunci

Abricots Tarte Tatin

ZAZ- Cette journée

So che nell’ultimo post vi ho raccontato delle vacanze che mi aspettano, a New York, ed è lì che effettivamente va il mio pensiero giornalmente (bisogno di ferie!!). Ma non è nemmeno giusto farvi pensare che la mia estate sia stata tutta casa e lavoro.

Complice una signora piuttosto importante, che ha raggiunto un traguardo piuttosto importante, sono infatti tornata a Parigi! Avevo passato nella Ville Lumiere 4 mesi, dopo la laurea. Beh, rivederla è stata un’emozione! Scoprire di ricordarsi tutte le stradine, tornare a mangiare al nostro ristorante preferito, riprendere l’abitudine (malsana, ammettiamolo) di fare colazione con croissant o pain au chocolat…

 

Continua a leggere…

Cake integrale di zucchine e caciocavallo

Irma Thomas- Anyone who knows what love is (Will Understand)

L’estate rende più socievoli, come se la voglia di convivialità vada di pari passo con l’abbronzatura e la luce serale. Le ombre lunghe giocano insieme ai bicchieri bevuti all’aperto, e gli aperitivi con gli amici sono l’occasione migliore per fingersi in vacanza anche quando si rimane a lavorare in città.cakezucchinecaciocavallo

Continua a leggere…

The Very Inspiring Blogger Award e i trottolini farro, cranberry e latte di mandrole

Lucio Battisti – Pensieri e parole

Il drago parlante mi ha inviato un messaggio, per assegnarmi addirittura un premio! E non so davvero come ringraziarla, se non facendole sapere quanto siano state per me motivanti le informazioni che lei ci regala, per guardare con un occhio ancora più consapevole alla mia alimentazione (solo con un occhio, che qui vengo da una grigliata con gli amici che, mi dispiace, ma ha sepolto vive varie regole!) 

trottolini

 

 

Le regole del premio sono:award

  •  ringraziare la persona che ti ha nominato;
  •  elencare le regole e visualizzare il premio;
  •  condividere sette fatti su di te;
  •  nominare altri 15 blog e lasciare un commento per fargli sapere che sono stati nominati.
  • Optional: mostrare il logo del premio sul tuo blog e seguire il/la blogger che ti ha nominato.

Continua a leggere…

Vegan tartelettes aux framboises

Simon & Garfunkel- Mrs. Robinson

Sabato sera, nella magnifica cornice di un Castel Corno illuminato dalle fiaccole, si è svolta la festa annuale della Keller editore: “Letti a Kastello”, uno dei ritrovi più piacevoli d’inizio estate.

tartelletteauxframboises

Tra un bicchiere di vino, quattro chiacchiere, letture di testi sempre profondi, o poetici, o semplicemente belli, mi è capitato in mano un foglietto, con 4 pagine di un romanzo di prossima pubblicazione: La partenza per il fronte, di Andreas Latzko.
Leggendolo mi sono commossa. Io ho la commozione facile, che piango per qualsiasi cosa, sia chiaro. Ma qui è una commozione da brividi.
La cosa più spaventosa della guerra, si dice, è la delusione, alla partenza, di vedere le donne belle e forti. Le donne, che non piangono e salutano con il fazzoletto i propri uomini, che partono con il treno per il fronte. La delusione delle donne che non chiedono un gesto di vigliaccheria, di codardia. Tutto questo viene definito come una crudeltà inattesa. Lo era? Lo è? Continua a leggere…

Millefoglie dei miracoli

Bill Withers- Ain’t no sunshine

Solo 120 cal, adatto agli intolleranti al lattosio, buonissimo e golosissimo come un grande classico della pasticceria italiana, e pure in una mono-porzione bella da vedere.

Di cosa sto parlando: di un miracolo? di una missione impossibile? di un ufo atterrato sulla luna che ci invia segnali improbabili?

millefoglielight

No, del dolce preparato al volo (mezz’ora? forse meno) per un ospite che veniva a cena sabato scorso, giorno in cui, visti gli stravizi delle vacanze, avevo davvero voglia di cose light e, possibilmente, senza latte (avendo dovuto smaltire i due chili di ricotta di pecora, non ne potevo più ). Ma l’ospite non se ne doveva accorgere 🙂 Continua a leggere…

Cena di San Valentino in 1 ora e V-DAY ONE BILLION RAISING, vol.1

Buongiorno!!

Qui oggi siamo molto molto cariche, perché ben 3 sfide ci attendono questa settimana: sopravvivere a San Valentino, ballare per intero la coreografia del V-Day al Flash Mob che si terrà proprio il 14 febbraio, in Corso Rosmini, Rovereto alle 17.30 (ma anche in tanti altri posti, cercate la manifestazione più vicina a voi!), e sabato accogliere tutti i giovani delle città in un concerto al Palazzetto dello Sport. Insomma, una settimana piena.

antipastosvalentino

Da qui nasce l’idea dei post di oggi e domani. In due momenti, la sfida è organizzare una cena di San Valentino per persone impegnatissime, che si possa preparare in meno di un’ora, ma che sia gustosa, romantica, accattivante, e allo stesso tempo leggera, per lasciar spazio al dopo 🙂 Continua a leggere…

Dolcini per allietare il weekend

Ciao a tutte/i!

Oggi post molto veloce e molto tardi, mi scuso, ogni tanto metto nella lista del “to do” un po’ troppe cose, e mi piacerebbe essere superwoman, ma ancora non ci riesco!

Quindi, oggi, tra pulizie e smontaggio dell’albero di Natale (penavo di farlo a fine mese, ma già che volevo fare pulizie approfondite…), un caffè con un’amica, di quelle che vorrei davvero vedere più spesso, e lavoro… Insomma, classica vita da donna, no? 🙂

E così sono qui, alle nove di sera, senza nemmeno una ricetta per voi!! Continua a leggere…

Non ci si può chiudere tra 4 mura.

Questo è un blog di cucina, tendenzialmente. Di cose leggere, tendenzialmente. Ma oggi lo uso, forse ne abuso, per parlare di un fatto di cronaca che da domenica mi lascia così attonita, così contrariata, così disgustata, che non posso non parlarne.

Il fatto non va raccontato in poche parole, quindi seguono un paio di link per approfondire l’argomento, ma, nella sostanza, la Corte di Cassazione ha appena annullato una sentenza con cui la Corte d’Appello di Catanzaro condannava un uomo, assistente sociale di 60 anni, per aver intrattenuto una relazione sessuale con una bambina 11enne di cui era responsabile, perché legalmente affidata a lui.

L’8 dicembre leggo sulla pagina Facebook dedicata a Il corpo delle donne il seguente post, dal blog di Lorella Zanardo: http://www.ilcorpodelledonne.net/2013/12/dalla-parte-della-bambina/

Poche le ulteriori informazioni che riesco a trovare in rete, nessuno dei principali quotidiani da la notizia.

Oggi, Marina Terragni pubblica questo articolo su IO donna, femminile del Corriere della Sera e poi, più sotto, commenta: “mi dice un’amica giurista che “tecnicamente” la sentenza ci sta. Si reinvia alla corte d’appello di Catanzaro per una riconsiderazione del tema delle attenuanti, come da precedenti sentenze menzionate in questa. Il fatto è che il risultato è perverso, il linguaggio usato (consenso, ragazza, relazione amorosa) intollerabile, il quadro che ne esce spaventoso. In qualche punto di questo percorso di giustizia, quindi, c’è una stortura di umanità. Anche Creonte aveva dalla sua parte la legge, ma Antigone stava dalla parte ragione cosmologica.”

Nient’altro da aggiungere.

Un compromesso è perfetto quando tutti sono scontenti (?)

David Bowie – The man who sold the world

Buon lunedì a tutte/i!

Feliz Lunes para tod@s!

Inizia la settimana, inizia dicembre, e con lui l’atmosfera natalizia che amo, iniziano i laboratori di cucina per Piccoli cuochi ribelli in collaborazione con t.riciclo, inizio ad avvicinarmi ai 27 anni… insomma, questo mese per me è un mese importante, non c’è dubbio!

Empieza la semana, empieza  diciembre y con él el espíritu de Navidad , que me encanta, se acercan los 27… En resumen, este mes es un mes importante para mí, sin duda!

E per voi che lo condividerete con me, ho deciso che oggi, complice la ricetta in forno, avrei parlato di cosa per me sia il mondo dell’alimentazione. Avrete notato infatti che su questo blog ci sono ricette vegane, sugar free, attente a ogni ingrediente, ma anche ricette con grassi animali e zucchero.

Para ustedes que lo compartirán conmigo, decidí que hoy, gracias a la receta en el horno, me gustaría hablar de lo que para mí es el mundo de la alimentación. Ustedes se harán dado cuenta que en este blog hay recetas veganas, sin azúcar, que dan importancia a cada ingrediente, sino también recetas llenas de azúcar o grasas animales.

Foto dedicata alla mia amica che si domandava chi potesse creare tanto scarto solo per usare coppapasta preformati su torte o lasagne :)

Foto dedicata alla mia amica che si domandava chi potesse creare tanto scarto solo per usare coppapasta preformati su torte o lasagne 🙂

Questo perché do molta importanza a quello che mangio, dall’origine degli ingredienti, alla loro sostenibilità, alla varietà della dieta, ma anche al gusto e alla tradizione. Non posso dare torto a certe posizione vegane, ma un dolce senza zucchero è senza dubbio meno dolce, e un tiramisù senza latticini non è un tiramisù. Ma questo non toglie che, all’interno di un’alimentazione varia e bilanciata, questi ingredienti possano trovare uno spazio ridotto, così come il tofu possa essere valorizzato, il pesce amato, i legumi una coccola.

Eso porque doy mucha importancia a lo que como, el origen de los ingredientes, su sostenibilidad, la diversidad de la dieta, pero también a el gusto y la tradición. Creo que un pastel sin azúcar sea indudablemente menos dulce, como tiramisú sin mascarpone o huevos no es un tiramisú. Pero esto no quiere decir que, dentro de una alimentación variada y equilibrada, estos ingredientes se pueden reducir, así como el queso de soja, el pescado, las legumbres puedan ser valorados.

Continua a leggere…

Navigazione articolo