la cucina ribelle

Datemi un forno e cambierò il mondo

Archivio per la categoria “feste”

Cake integrale di zucchine e caciocavallo

Irma Thomas- Anyone who knows what love is (Will Understand)

L’estate rende più socievoli, come se la voglia di convivialità vada di pari passo con l’abbronzatura e la luce serale. Le ombre lunghe giocano insieme ai bicchieri bevuti all’aperto, e gli aperitivi con gli amici sono l’occasione migliore per fingersi in vacanza anche quando si rimane a lavorare in città.cakezucchinecaciocavallo

Continua a leggere…

Asparagi selvatici e ricotta di pecora come augurio di Pasqua

Joss Stone ft. John Legend- Tell me something good

Al limite massimo per darvi un’ispirazione, oggi vi racconto di una torta salata nata dalla fretta e dalla necessità, ma buonissima, grazie agli ingredienti che arrivano tutti dalla terra della mia nonna.

tortaricottaasparagi

Mio papà è arrivato giovedì, dopo un mese trascorso in Sardegna a far compagnia a sua mamma. Credo che la macchina, una station wagon bella spaziosa, fosse stipata fino all’ultimo millimetro, manco ci fosse un trasloco. Infatti la quantità di prelibatezze che mi sono portata a casa va, come minimo, triplicata per tre. Arance e limoni colti dall’albero prima di mettersi in viaggio, erbe aromatiche, dolci di ogni tipo, mirto nuovo, vino, carciofi, formaggio, salsiccia, saba, e sicuramente dimentico qualcosa. Un vero e proprio bottino (eh sì, in fondo siamo proprio gente del Sud, la mia metà svizzera impallidisce di fronte a queste scene!). Continua a leggere…

Cena di San Valentino in 1 ora e V-DAY ONE BILLION RISING vol.2

Eccomi qui, per il secondo appuntamento dedicato a San Valentino, ma anche alle cene romantiche in generale.

risocongambelo

Intanto vi lascio la coreografia che domani verrà ballata in giro per il mondo, per la manifestazione del One billion rising contro la violenza su donne e bambine.  Qui trovate la manifestazione più vicina a voi. Il testo della canzone è stupendo, non trovate?

SPEZZA LA CATENA

Sollevo le braccia al cielo
Prego in ginocchio
Non ho più paura
Io attraverserò quella soglia
Cammina, danza, sollevati
Cammina, danza, sollevati
Posso vedere un mondo dove tutte viviamo
Sicure e libere da ogni oppressione
Non più stupro, o incesto, o abuso
Le donne non sono proprietà
Tu non mi hai mai posseduta, neppure sai chi sono
Io non sono invisibile, sono semplicemente meravigliosa
Sento il mio cuore prendere la corsa per la prima volta
Mi sento viva, mi sento straordinaria
Danzo perché amo
Danzo perché sogno
Danzo perché non ne posso più
Danzo per arrestare le grida
Danzo per rompere le regole
Danzo per fermare il dolore
Danzo per rovesciare tutto sottosopra
E’ ora di spezzare la catena, oh sì
Spezzare la catena
Danza, sollevati
Danza, sollevati
Nel mezzo di questa follia, noi ci ergeremo
Io so che c’è un mondo migliore
Prendi per mano le tue sorelle e i tuoi fratelli
Cerca di raggiungere ogni donna e ogni bambina
Questo è il mio corpo, il mio corpo è sacro
Basta scuse, basta abusi
Noi siamo madri, noi siamo maestre,
Noi siamo bellissime, bellissime creature
Danzo perché amo
Danzo perché sogno
Danzo perché non ne posso più
Danzo per arrestare le grida
Danzo per rompere le regole
Danzo per fermare il dolore
Danzo per rovesciare tutto sottosopra
E’ ora di spezzare la catena, oh sì
Spezzare la catena
Danza, sollevati
Danza, sollevati
Sorella, non mi aiuterai? Sorella, non ti solleverai?
Danza, sollevati
Danza, sollevati
Questo è il mio corpo, il mio corpo è sacro
Basta scuse, basta abusi
Noi siamo madri, noi siamo maestre,
Noi siamo bellissime, bellissime creature
Danzo perché amo
Danzo perché sogno
Danzo perché non ne posso più
Danzo per arrestare le grida
Danzo per rompere le regole
Danzo per fermare il dolore
Danzo per rovesciare tutto sottosopra
E’ ora di spezzare la catena, oh sì
Spezzare la catena
Spezzare la catena.

Passiamo alla ricetta, abbiamo detto che dev’essere fatta in mezz’ora, non voglio certo farvi perder tempo!

piattounicosanvalentino

Riso in polvere di curry, code di gambero allo zenzero e arancia e tartare di avocado al pompelmo e pinoli tostati

  • 150 gr di riso profumato (basmati o jasmin)
  • due cucchiai di curry in polvere
  • 6 code di gambero
  • un pezzetto di zenzero
  • un’arancia
  • un pompelmo
  • un avocado maturo
  • sale, pepe, paprika
  • uno spicchio d’aglio
  • un goccio di vino bianco
  • succo di limone
  • olio evo
  • 30 gr di pinoli tostati

Ottimiziamo i tempi! Mettiamo il riso in una pentola d’acqua fredda con sale e curry e ce lo dimentichiamo per ca. 20 minuti, guardate sulla confezione il tempo di cottura e fate partire il timer quando l’acqua inizia a bollire. Intanto in una padella antiaderente fate scaldare piano l’aglio e lo zenzero tagliato a fettine sottili. Lavate le code di gambero. Spremete il succo di mezza arancia. Tagliate a cubetti avocado e pompelmo, condite con sale, un po’ di succo di limone, paprika affumicata se possibile, o peperoncino piccante se preferite, e lasciate da parte. A questo punto mettete i gamberi in padella, fate cuocere un minuto a fuoco vivo e sfumate con il vino bianco. Quando il vino sarà evaporato, aggiungete il succo d’arancia e fate cuocere a fuoco basso per un paio di minuti, fino a quando non si sarà formato un sughetto un po’ denso. A questo punto il riso dovrebbe essere cotto, scolate, impiattate il riso con un coppapasta (oppure usando un mestolo tondo, potete dargli la forma a cupola), adagiate sopra i gamberi con il loro sughetto, mettete la tartare di avocado a lato con i pinoli tostati, e fate sparire tutte le padelle sporche in lavastoviglie!!

Buon appetito!

Cena di San Valentino in 1 ora e V-DAY ONE BILLION RAISING, vol.1

Buongiorno!!

Qui oggi siamo molto molto cariche, perché ben 3 sfide ci attendono questa settimana: sopravvivere a San Valentino, ballare per intero la coreografia del V-Day al Flash Mob che si terrà proprio il 14 febbraio, in Corso Rosmini, Rovereto alle 17.30 (ma anche in tanti altri posti, cercate la manifestazione più vicina a voi!), e sabato accogliere tutti i giovani delle città in un concerto al Palazzetto dello Sport. Insomma, una settimana piena.

antipastosvalentino

Da qui nasce l’idea dei post di oggi e domani. In due momenti, la sfida è organizzare una cena di San Valentino per persone impegnatissime, che si possa preparare in meno di un’ora, ma che sia gustosa, romantica, accattivante, e allo stesso tempo leggera, per lasciar spazio al dopo 🙂 Continua a leggere…

Siete stati buoni?

Eartha Kitt- Santa Baby

Sono tornata per un ultimo post, prima delle vacanze di Natale, per lasciarvi gli auguri, accompagnati dalla ricetta dei biscotti di Natale per eccellenza, i Pan di Zenzero. La mia amica Dani me l’aveva chiesto specificatamente, e siccome è lontana, come regalo, le dedico questo post: non è molto, ma spero apprezzi il pensiero!

So di essere terribilmente in ritardo, ma una brutta caduta e una influenza ancora peggiore mi hanno costretta al riposo forzato in questi giorni, scusatemi!

pandizenzero

Adoro questo periodo dell’anno, quando si sta in casa con le lucine dell’albero accese, a bere tè e sfornare biscotti, oppure si sorseggia un vin brulé (e se non si può uscire, causa slogatura alla caviglia, ci sono amiche che ti fanno pure il servizio a domicilio!) e si pensa a chi è stato buono e meritevole. Continua a leggere…

Navigazione articolo